Quando il fotografo fa la differenza!

Location-nella-natura-matrimoni
La Seminatrice

NATURA e LUCI

Hai deciso di sposarti nella natura e vuoi che il tuo giorno sia più una grande festa che un classico matrimonio? 

Ok ci sono vari elementi che dovrai curare affinché la festa sia davvero accogliente per i tuoi invitati consentendo loro, allo stesso tempo, di vivere un’esperienza diversa dal solito ma quello sul quale vorrei soffermarmi oggi è la scelta del fotografo. 

Eh si perché un evento diverso ha bisogno di un fotografo diverso. Poca posa e molto reportage per raccontare quello che accade senza forzare ospiti e sposi a situazioni pre impostate.  

E proprio perché non voglio fare uno spiegone su questo o quel fotografo ho deciso di lasciare che loro parlassero di loro stessi e del loro lavoro. 

Ti presento Diego Giusti, Marcella Cistola e Milco Graziani. 

diego-giusti-fotografo-la-seminatrice

Diego Giusti 
è un fotografo reportagista con base a Livorno che di quando in quando, purtroppo meno spesso di quanto vorremmo, viene a fotografare qualche matrimonio a La Seminatrice (al contrario il suo studio fotografico è pieno di scatti fatti da noi…)

 

Con uno sguardo caloroso ed accogliente, Diego riprende la storia della festa senza essere mai invasivo d’altronde la sua esperienza di reportagista in giro per il mondo gli ha certamente insegnato come “osservare senza farsi vedere”

I suoi scatti finiscono spesso ad essere vincitori di premi internazionali e questo la dice lunga ma, per fartelo conoscere ed apprezzare meglio gli abbiamo fatto un’intervista.

Sei curiosa? Continua a Leggere

la-seminatrice-fotografo-diego-giusti-location

Intervista a Diego Giusti

Come e quando hai iniziato questo lavoro?

Sono sempre stato appassionati di cinema, tanto da seguirne un corso universitario di “cinema musica e teatro” senza neanche aver finito le scuole superiori. 
Cresco viaggiando assieme alla mia famiglia, e come ogni buon viaggiatore con la macchina fotografica sempre pronta ad immortalare qualsiasi cosa catturasse la mia attenzione.
Poi circa 18 anni fa’ mi trovavo a fotografare un evento di surf con dei miei amici, quando un fotografo mi si avvicina chiedendomi se avessi bisogno di consigli, una chiacchera tira l’altra e qualche sera dopo mi ritrovo iscritto al suo club fotografico a parlare di fotografia.
Mi rendo conto subito che, la fotografia era la cosa che stava smuovendo ogni mio pensiero. Iniziano così i miei primi corsi di formazione, parto con quelli nella mia città sino a trovarmi spesso le sere dopo cena in giro per la Toscana. 
Nel 2010 il grande passo, decido di aprire il mio studio fotografico, che porta il mio nome nella mia città natale, Livorno. 

Come mai hai deciso di specializzarti solo nel settore wedding?

Aperto lo studio passo i primi anni a documentarmi sulla strada che avrei dovuto prendere professionalmente parlando, a fare qualsiasi tipo di corso in ambito fotografico.
Sempre più convinto che la mia strada sia quella di dover raccontare una storia, non fare una semplice fotografia ma una sequenza che raccontino un fatto reale.
E nel 2012 smetto di vendere materiale fotografico, di fare svariati servizi, specializzandomi a 360° al mondo dei matrimoni. Partono da li a poco i primi corsi di formazione, le prime associazioni di appartenenza ed i primi risultati. 

Perchè hai deciso di fare questo lavoro? Cosa volevi realizzare?

Prima di fare il fotografo ho fatto molti lavori, se ve li elenco tutti non mi credereste mai.
Sicuramente erano tutti lavori creativi o manuali ma nessuno mi smuoveva quella sensazione che mi dava e mi da’ ancora oggi fare una fotografia ad una persona. Ascoltarla, capirla e poi successivamente scattare quella foto che la rappresenti a pieno.
Credo non sia stata una mia decisione fare il fotografo ma semplicemente parte di me, anche se a suo tempo non lo sapevo ancora. Ormai sono passati oltre 10 anni dalla prima volta che ho preso una macchina fotografica in mano per un lavoro. Ad oggi più maturo e più consapevole posso dirti con certezza che la cosa che più voglio realizzare è la possibilità di raccontare più storie possibile. Che siano matrimoni o popolazioni lontane, il mio interesse è quello di fissare un racconto fotografico nel tempo dove in futuro le nuove generazioni possano rivedere un pezzo della loro storia. Un po’ quello che forse a me manca di più.

Com’è fotografare a la Seminatrice?

La Seminatrice è una location unica dove la natura la fa da padrona ma dove l’organizzazione, lo stile e l’eleganza sono curati in ogni minimo dettaglio e questo fa sì che si possa realizzare un reportage spontaneo ma incredibilmente vario. 
Gli sposi potranno, con naturalezza, passare dalla cattedrale al bambuseto, alle dome al ruscello che costeggia la tenuta lasciandomi la possibilità di raccontare il loro giorno con scatti incredibili e diversi dal solito.

E dopo Diego Giusti tocca ora ad uno studio fotografico che ci fa impazzire quello di


marcella-cistola-fotografo-la-seminatrice

Marcella Cistola
Marcella accompagnata dalla inseparabile collega ed amica Simona è una narratrice di emozioni. 

Ogni volta che ci capita di vedere la grigia chioma riccioluta di Marcella Cistola in tenuta il nostro cuore si riempie di gioia. Questo studio fotografico tutto al femminile è capace di narrare un matrimonio in ogni singolo dettaglio ma sempre con una lievità e una gentilezza straordinarie. 

 

Le vedi sempre attente a fissare non solo i momenti istituzionali del matrimonio ma anche e soprattutto le emozioni che silenziose corrono tra i tuoi ospiti durante tutta la giornata.

Il risultato – lo intuirai facilmente – è un racconto emozionante, sincero e naturale che troverà nell’album la sua espressione migliore. 

Ma ascoltiamo direttamente da lei un po’ della sua storia

la-seminatrice-fotografo-marcella-cistola-matrimoni

Intervista a Marcella Cistola

Mi racconti qualcosa di te come fotografa?

Il mio amore per la fotografia ha radici nella mia infanzia. Da quando a 13 anni, dopo tante richieste, ho finalmente ottenuto la mia prima macchina fotografica a pellicola o analogica come viene chiamata oggi, la fotografia è diventata parte integrante della mia vita. La portavo sempre con me, per non perdere nulla che in un giorno comune potesse catturare la mia attenzione.

Dopo aver studiato fotografia di moda e pubblicità presso lo IED, ho capito che la mia vera passione è catturare momenti significativi delle persone, ed è così che sono approdata alla fotografia di matrimonio. Il mio stile naturale è fortemente influenzato dalla mia passione per le arti visive, mi sono laureata in pittura presso l’Accademia di Belle Arti di Roma e questo ha dato un’impronta importante alle mie scelte compositive e cromatiche.
Il mio rapporto con la fotografia è un costante viaggio di ricerca e crescita, un dialogo in continua evoluzione con la visione del mondo, l’estetica e l’etica.

Per chi sei la fotografa giusta?

Le coppie che scelgono i nostri servizi desiderano vivere il loro matrimonio in modo spontaneo e divertente, circondati dagli affetti. Riconoscono che questa giornata è un evento straordinario nelle loro vite e non vogliono trascorrere troppo tempo in pose e momenti preconfezionati. Attraverso il nostro reportage autentico, documentiamo la giornata in modo discreto ma costante, restituendo un ricordo vivo ed emozionante.
La nostra peculiarità è la creazione di libri fotografici che narrano la giornata in maniera fluida e creativa. Attraverso il nostro linguaggio visivo diverso, riusciamo a restituire alle coppie non solo e loro emozioni, ma anche quelle degli invitati.
Per me e Simona è molto importante il rapporto con le coppie, ci si sceglie per affinità. Seguiamo entrambe personalmente tutte le fasi della collaborazione, dagli incontri alla post produzione. Per noi è importante avere con le coppie un’esperienza che sia per loro soddisfacente non solo nel risultato finale ma anche nell’intero percorso con noi.

Marcella e La Seminatrice

Conoscevo e apprezzavo già La Seminatrice attraverso immagini online, e sono stata molto felice quando una coppia mi ha offerto l’opportunità di lavorare lì. 
Devo dire che le aspettative sono state non solo soddisfatte, ma superate.
Questo luogo immerso nella natura, con la sua suggestiva Cattedrale di noccioli e la magica luce che filtra al tramonto nel bellissimo bambuseto, mi lascia ogni volta senza parole. 
Collaborare con Chiara e il suo staff è un piacere, perché la gentilezza e la professionalità di tutti contribuiscono a creare sempre l’esperienza di una giornata perfettamente organizzata, in un’atmosfera rilassata e serena.

milco-graziani-fotografo-la-seminatrice

Terminiamo questo articolo parlando di un altro fotografo incredibile: Milco Graziani

La sua capacità di raccontare eventi nella natura è qualcosa di incredibile e per questo ci capita piuttosto spesso di vederlo a La Seminatrice

Milco è secondo noi non è solo un grande reportagista capace di raccontare i matrimoni guardando alle emozioni ed ai dettagli, ma è anche  e soprattutto un uomo con una profonda connessione con le persone e con la natura e riesce 

per questo a raccontare ogni matrimonio da noi in modo unico e meraviglioso. 

Ma ascoltiamo quello che ci racconta di sé

la-seminatrice-fotografo-milco-graziani-ricevimenti-roma

Intervista a Milco Graziani

Milco Graziani fotografo in tre parole che racchiudono l’essenza dei tuoi scatti 

Sono un fotografo specializzato in fotogiornalismo per matrimoni. Con un approccio empatico, catturo emozioni autentiche e momenti unici, creando ricordi indelebili attraverso le mie immagini. Ogni volta che una coppia mi sceglie per il suo matrimonio, e mi permette di narrare la sua storia ed il racconto del loro grande giorno, so che riuscirò a narrare storie d’amore uniche e autentiche, trasformando ogni matrimonio in un’opera d’arte fotografica che sarà custodita per sempre.

Come sei arrivato alla fotografia Wedding e qual’è la tua relazione con questo ambito di lavoro?

Sono un viaggiatore appassionato, sempre alla ricerca di nuove avventure da catturare con la mia macchina fotografica. Tra le strade polverose e i paesaggi mozzafiato ho trovato la mia ispirazione, viaggiando in sella alla mia fedele motocicletta. Ogni scatto racconta una storia diversa, un momento congelato nel tempo che cattura la bellezza del mondo che mi circonda.
La passione per la fotografia mi ha portato a specializzarmi nel fotogiornalismo matrimoniale, dove posso unire la mia creatività e sensibilità alla bellezza e all’intensità delle emozioni condivise durante il giorno più importante di una coppia. 
Sono grato di poter condividere la mia passione per i viaggi, la fotografia, le motociclette e i matrimoni, trasformando ogni istante in un ricordo indelebile e prezioso per coloro che scelgono di affidarmi i loro momenti più significativi.

Per chi sei il fotografo giusto e perché?

Mi rivolgo soprattutto a coppie smart, semplici, amanti della natura e degli animali. Con la mia sensibilità e creatività, mi piace catturare i momenti speciali del matrimonio in modo autentico e naturale e pertanto sono il fotografo giusto per le coppie che cercano racconti sinceri e reali piuttosto che immagini in posa. 

La tua relazione con La Seminatrice. Sei venuto tante volte da noi e puoi raccontare come sono i matrimoni da noi e cosa ti piace del fare un servizio fotografico qui e perché.

La nostra collaborazione presso La Seminatrice è la chiave per raggiungere la perfezione in ogni lavoro svolto. Insieme  lavoriamo in armonia per garantire che ogni dettaglio sia curato con precisione e passione. È meraviglioso poter contare su una squadra così formidabile, che contribuisce al successo e alla bellezza di ogni evento.

Ed anche l’intervista a Milco è terminata.

Ricordati che le foto sono l’unica cosa che ti rimane del matrimonio e la scelta del fotografo è dunque un passo importante anzi fondamentale per permetterti di poter ricordare il tuo matrimonio.

Stai pensando che non potresti mai dimenticarti del tuo grande giorno?

Be’ è vero. In parte è vero. Quello che stai sottostimando in questo momento è “l’effetto adrenalina”. 

Te lo spiego: In tutto il percorso che di conduce al matrimonio l’emozione sale, sale, sale e ancora sale. Prima della cerimonia sarà alle stelle e sarai così carica che ti ricorderai ogni singola cosa che accade. Anche come si muovono le foglie degli alberi della cattedrale.

Ma poi messe le firme sul registro, e presa coscienza che siete sposati ecco che lì ci sarà un calo di adrenalina che vi farà cominciare a perdere i pezzi. Non dico che ti dimenticherai tutto quello che accade, no di certo ma ci saranno alcuni dettagli che cominceranno a sfuggirti. Entrerai nel vortice dei festeggiamenti e mano mano alcuni pezzi scivoleranno via dalla tua memoria.

Ma non dalle immagini del fotografo. Ed è per questo che avere accanto quel giorno qualcuno che sappia raccontare il vostro matrimonio nello stile che più vi appartiene fa davvero la differenza.

Ok la finisco qui e comincio a preparare un nuovo articolo.
C’è qualche argomento che vorresti che trattassi? scrivilo nei commenti o scrivimi su

info@laseminatrice.it